Approvato il programma triennale Opere Pubbliche e bilancio di previsione

Il Consiglio Comunale di ieri ha approvato il programma triennale delle Opere Pubbliche ed il bilancio previsionale 2009.

Il documento programmatico più importante dell’attività amministrativa dell’Ente è stato elaborato tenendo presente i vincoli legislativi e le norme riguardanti il patto di stabilità interno al fine di conseguire gli obiettivi definiti a livello di indirizzo politico.

Va segnalato che le tariffe per il 2009 sono rimaste invariate e prosegue il prevalente impegno finanziario dell’Amministrazione in materia di opere infrastrutturali del territorio comunale, con particolare attenzione alla viabilità, all’illuminazione ed al risanamento ambientale.

Nel programma triennale, che disegna la strategia di sviluppo del territorio nel periodo 2009/2011, illustrato dall’assessore ai Lavori Pubblici Gennaro Frasca, sono previsti interventi di manutenzione straordinaria di edifici scolastici e pubblici, strade, marciapiedi, impianti fognari, pubblica illuminazione. A questi saranno affiancate azioni di riqualificazione, in particolare della piazza antistante il Cinema Nuovo e del Parco Padre Pio; la realizzazione della palestra polifunzionale (località Sant’Antonio), la costruzione del primo lotto del Polo Scolastico di Faiano, il completamento di un lotto dell’area ex tabacchificio Centola, l’acquisizione del convento di S. Benedetto, i lavori del sistema di variante nord alla Statale 18 da Pagliarone a via Pompei, l’abbattimento delle barriere architettoniche in via Campania e l’ampliamento del cimitero comunale, nonché l’ultimazione della villa comunale di Sant’Antonio, dei lavori che hanno interessato la stadio comunale ed il centro polifunzionale di via Toscana.

Soddisfatto il sindaco Ernesto Sica: “Ringrazio l’intero Consiglio Comunale, la Giunta, il Segretario Generale e gli Uffici preposti che hanno significativamente contribuito alla redazione del bilancio. Lo strumento, che serve per stravolgere la Città e da cui partono le condizioni di cambiamento per una più incisiva azione amministrativa, ora è divenuto efficace”.

L’Ufficio Stampa

Stefania Maffeo