GIORNO DELLA MEMORIA

Il Sindaco Sica: “Il ricordo rende preziosa la libertà”

In occasione del “Giorno della Memoria”, che la Repubblica Italiana ha riconosciuto nella giornata del 27 Gennaio, anniversario dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, con Legge n. 211 del 20 Luglio 2000, il sindaco Ernesto Sica sottolinea la volontà di non dimenticare la promulgazione delle leggi razziali, l’Olocausto del popolo ebraico e tutte le vittime della deportazione nei campi di sterminio, di non rinunciare al bene comune della memoria ed affida il suo pensiero ad un manifesto pubblico.

Il Primo Cittadino auspica che a questa ricorrenza si accompagni una riflessione costante sui temi della dignità umana, della libertà individuale e, soprattutto, del rispetto dell’uomo verso l’uomo. “Il 27 gennaio del 1945 i soldati dell’Armata Rossa aprirono i cancelli di Auschwitz e si trovarono di fronte all’indicibile, al più efferato crimine mai perpetrato ai danni dell’umanità con lo sterminio del popolo ebraico e di altri deportati a seguito delle leggi razziali. Ricordare per non dimenticare. Ricordare per non ripetere. Il ricordo rende preziosa la libertà”.

Il testo del manifesto è accompagnato dalla testimonianza in versi di Liana Millu, una donna internata a Birkenau.

L’Ufficio Stampa

Stefania Maffeo