INAUGURAZIONE PROMENADE ARCHÈOLOGIQUE ED “UNO IN PIAZZA”

Il 1 gennaio 2009, alle ore 19.30, il sindaco Ernesto Sica inaugurerà la Promenade Archèologique, un’area di circa 7000 mq in Via Raffaello Sanzio – zona Stazione Carabinieri – trasformata in uno spazio attrezzato a verde pubblico ed aree di sosta per circa 70 autovetture. Il giardino urbano, situato al centro della Città, contempla la presenza di reperti archeologici opportunamente sistemati e salvaguarda la storia e la memoria del sito.

“La Promenade Archèologique è una delle opere più significative portate a compimento dall’Amministrazione che mi onoro presiedere” – dichiara il Primo Cittadino. “Simbolicamente abbiamo scelto la data del primo dell’anno per avviare, nel migliore dei modi, in un fortunato connubio con i festeggiamenti che richiameranno, in Piazzale Raffaello Sanzio, migliaia di cittadini anche da altri comuni, un nuovo ciclo di opere ed attività che caratterizzeranno il 2009. Tracciamo insieme, cittadini ed Istituzioni, in un clima di operosità e fiducia, il percorso per costruire la nuova Pontecagnano Faiano, capace di attrarre investimenti e di offrire opportunità nell’impresa come nell’agricoltura, che punta sulle infrastrutture e sul riassetto urbano, che tutela la dignità della persona e la qualità della vita”.
In collaborazione con la Provincia di Salerno, seguirà, in prossimità dell’opera inaugurata, “Uno in Piazza“, manifestazione presentata da Ramona Badescu e Gaetano Stella. Cast d’eccezione: Gianluca Grignani, Gianluca Capozzi, Simone Schettino, i Neri per Caso ed Anna Tatangelo.
L’evento si concluderà con un suggestivo spettacolo di fuochi pirotecnici.

L’Ufficio Stampa
Stefania Maffeo

LE FOTOGRAFIE DELLO SPLENDIDO SPETTACOLO DI FUOCHI PIROTECNICI DI FINE SERATA

Fuochi pirotecniciFuochi pirotecniciFuochi pirotecniciFuochi pirotecniciFuochi pirotecniciFuochi pirotecnici
Fuochi pirotecniciFuochi pirotecniciFuochi pirotecniciFuochi pirotecniciFuochi pirotecniciFuochi pirotecnici
Fuochi pirotecniciFuochi pirotecnici
fotografie by Massimo De Santis