Pontecagnano Femminile, blitz in Puglia. Nell’amichevole con il Focus Foggia le picentine passano di misura (2-1)

renata d'ambrosioFocus Foggia: Testini, Meola, Stanca, Mazzaro, Delli Carri, Delio, Mariano, Roselli, Dalma, Pasquariello V., Pilato. Allenatore: Romano Palatella

Pontecagnano Femminile:Radu (46’ Senatore G.), Manzo, Lapenta (46’ Esposito G.), Carbone (46’ Dragone), Benigni (46′ Cantiello), Pasquariello M., Setaro (73’ Natella), Belviso (73’ Di Maria), Vitale E., Desiderio, Strollo (46’ D’Ambrosio). Allenatore: Rosaria Saggese

Arbitro: Daponte di Avellino.

Marcatori:24’ Pasquariello V. (F), 35’ Desiderio (P), 78’ D’Ambrosio (P).

Note: Gara giocata domenica allo stadio ‘Caruso’ di Anzano di Puglia. Mattinata di sole, terreno di gioco in buone condizioni. Centocinquanta spettatori circa

Il Pontecagnano di Rosaria Saggese, nella seconda amichevole della stagione, ritrova la vittoria battendo per 2-1 il Focus Foggia. Le picentine, nel cuore della Daunia, ha dato vita, insieme alla compagine pugliese, ad una partita bella e piena di colpi di scena, che ha tenuto con il fiato sospeso il numeroso pubblico accorso sulle tribune del ‘Caruso’ di Anzano di Puglia, paesino poco più di 1000 abitanti al confine con la Campania,

Venendo al dato tecnico, la partita inizia subito con le due squadre pronte a darsi battaglia per non perdere l’inedita sfida. La prima azione degna di nota arriva al minuto numero 4 con il Pontecagnano, ma il tiro di Strollo sfiora solo la base del palo. All’11 è Desiderio, ben servita da Setaro, a cercare gloria ma la conclusione è ben parata da Testini. Dal canto suo, il Foggia riorganizza le idee e risponde al 15′. Break a centrocampo di Mariano che lancia in verticale Pilato, brava a sfoderare un tiro ben calibrato che trova sulla traiettoria l’attenta Radu.

Al 22′, sono ancora le rossonere di Palatella ha rendersi pericolose: lancio millimetrico di Roselli per Pasquariello V che, appena in area, scarica un diagonale insidioso su cui Radu deve fare gli straordinari per deviarlo in corner. E’ il preludio al gol delle foggiane che arriva al 24’. Da una punizione senza pretese dalla trequarti, nasce una mischia furibonda in area picentina, Valentina Pasquariello anticipa tutta la retroguardia nerazzurra e con un tocco di rapina trafigge Radu per il momentaneo 1-0.

Il gol subito sveglia il Pontecagnano che si spinge in avanti e sfiora il pari per ben due volte (27’ e 30′) con le solite Strollo e Desiderio. Il pareggio è però nell’aria ed arriva al 35′. Capitan Belviso innesta Elena Vitale che confezione una palla d’oro per Desiderio che al limite dell’area, dopo essersi liberata di un’avversaria, insacca a fil di palo alle spalle di Testini. Il primo tempo finisce praticamente qui, con le squadre brave a riprendere fiato e a chiudere senza preoccupazioni la prima frazione di gioco. Nella ripresa Saggese attua un ampio turn-over, dando spazio alle seconde linee, con il gioco delle picentine sempre veloce e bello da vedere.

Al 55′ è pero il Foggia ha rendersi pericoloso con Dalma, su suggerimento di Pilato, scodella un cross per Pasquariello V. che impegna Senatore che blocca in due tempi. Al minuto 59′ si fa vedere il Pontecagnano con D’ambrosio, ma il suo tiro è una telefonata per la difesa dauna. Al 63′, Esposito perde palla e innesca un micidiale contropiede delle foggiane con Pilato che sciupa nel peggiore dei modi. Al 67′ è ancora Foggia che, da calcio d’angolo, ci prova con Mazzaro ma il suo colpo di testa finisce alto di poco sopra la traversa.

Il Pontecagnano, stordito dalle azioni veloci del Foggia, capisce che è il momento di fare sul serio e al 78’ passa in vantaggio. Renata D’Ambrosio si guadagna una punizione dal vertice destro dell’area rossonera e con un bel tiro a girare supera Testini strappando gli applausi del pubblico presente sugli spalti. Nei minuti finali di gara il Pontecagnano cerca di gestire il vantaggio, ma un Foggia mai domo sfiora in più di un occasione il pareggio con la premiata ditta Pilato-Mariano che meriterebbe maggior fortuna.

Al 90’ è il Pontecagnano a festeggiare, ma ai punti il Foggia avrebbe meritato senza dubbio il pari.

Le picentine di Saggese, dopo le canoniche 24 ore di ripose, ritorneranno al “XXIII giugno 1978” per riprendere la preparazione in vista dell’inizio del campionato di serie C.