Presentata la rassegna Scuole Aperte e inaugurata biblioteca multiculturale

Si è svolta mercoledì 17 febbraio 2010, presso la scuola primaria di S.Antonio- 2° Circolo didattico, la presentazione della rassegna “Scuole Aperte e nuove sensibilità. Sguardi al femminile”. Presenti Lucia Zoccoli, assessore alla Pubblica istruzione; lo scrittore Diego De Silva; la professoressa Pina De Guida, in rappresentanza della Regione Campania; Angela Malangone, dirigente I Circolo didattico; Vincenzo Bianchini, dirigente istituto comprensivo “A. Moscati”; Anna Troiano in rappresentanza del II Circolo didattico. Nell’ambito dell’iniziativa è stata anche inaugurata la biblioteca multiculturale. La presentazione ha rappresentato l’avvio di un programma intenso di attività che andranno avanti fino al prossimo 8 marzo ed interesseranno i plessi scolastici del territorio.

“Tra le scuole, il Comune di Pontecagnano Faiano, la Regione Campania e le associazioni che hanno partecipato al progetto di Scuole Aperte si è creata una vera e propria rete. A tal proposito riteniamo necessario istituire una consulta dei dirigenti scolastici perché le sinergie tra la scuola e gli enti locali vanno a produrre di fatto azioni positive sul territorio, animate dall’interesse comune di agevolare il corso di studio e la crescita civile e sociale dei bambini. Le iniziative di Scuole Aperte continuano domani,venerdì 19 febbraio, alle ore 18, con l’inaugurazione della mostra del Corriere dei piccoli che ha compiuto cento anni dalla sua fondazione e con la presentazione della riproduzione della prima copia della rivista. Sarà presente il professore Livio Sossi, docente di Educazione dell’infanzia dell’Università degli Studi di Udine, e il direttore del Corriere dei piccoli” afferma l’assessore Lucia Zoccoli.

Le scuole della Regione Campania si aprono al territorio. Per apprendere e partecipare, per ospitare e fare sapere senza limiti o barriere. Una scuola dei legami. Per educare alla legalità, riconoscendosi e ritrovandosi in rete in una relazione di cittadinanza che sostiene l’ambiente nella responsabilità della vita. Scuole aperte è un modo di fare scuola senza confini e separazioni per una formazione continua che coinvolge persone di cultura, età, saperi e appartenenze differenti. Una scuola fuori orario. Per ore straordinarie dove apprendere e crescere insieme in una formazione aggiuntiva di moduli e iniziative curriculari, acquisendo nuovi saperi e conoscenze per un’identità solidale e un’appartenenza comune. Una scuola per la vita. Capace di attivare una nuova alleanza di conoscenza tra le differenze di genere e di generazioni. Un sogno per la scuola in una scuola da abitare.

L’Ufficio Stampa