Presentato il progetto “Batti…cuore”: defibrillatori semiautomatici per la Polizia Municipale

Presentato ieri sera, nella sala conferenze del complesso ex tabacchificio Centola, il progetto “Batti…cuore” che prevede un servizio di pronto intervento sul territorio, da parte della Polizia Municipale, con defibrillatori semiautomatici. Il piano è stato approvato nei giorni scorsi dalla Giunta Municipale guidata dal Sindaco Ernesto Sica, su proposta dell’Assessore alla Sanità e Polizia Municipale Gianpaolo Campione. Il Corpo dei vigili urbani , a tal proposito, è stato dotato di tre defibrillatori cardiaci, con i quali è possibile riattivare il funzionamento del cuore in caso di arresto cardiaco improvviso, e si provvederà, in tal senso, ad avviare un corso di formazione per cinque agenti (corso Bls-d, basic life support and defibrillation) che apprenderanno le tecniche della rianimazione e della defibrillazione precoce potendo così gestire ogni situazione in attesa dell’arrivo dei sanitari. L’uso dello strumento, infatti, è consentito dalla legge anche al personale non sanitario (laico) che abbia ricevuto una formazione specifica nelle attività di rianimazione cardiopolmonare.
L’obiettivo è finalizzato, oltre a salvare vite umane, anche a prevenire danni cerebrali creando le condizioni per un ripristino di un ritmo cardiaco valido. Intervenire nei primi istanti è fondamentale: ogni minuto trascorso dal momento dell’insorgere dell’arresto cardiaco da un lato riduce di circa il 10% la possibilità di sopravvivenza di un individuo, dall’altro aumenta sensibilmente la possibilità di problemi irreversibili. Da qui la necessità che sul territorio o in luoghi molto frequentati si possa intervenire rapidamente. “Batti…cuore” si propone di diventare un importante tassello per incrementare il livello di sicurezza sul territorio di Pontecagnano Faiano. Tale fattore, è stato ribadito nel corso della presentazione del progetto al quale, oltre all’Assessore Campione e al Sindaco Sica, hanno preso parte il Capitano della locale Polizia Municipale, Capitano Antonio Altamura, ed il dottore Nicola Capuano, Direttore U.O. Cardiologia – Utic Ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore. All’importante appuntamento, inoltre, erano presenti rappresentanze dei vigili urbani: del Comune di Giffoni Valle Piana con il Capitano Rosario Muro, Comandante del corpo; del Comune di Giffoni Sei Casali con il Comandante, Tenente Salvatore Cingolo; del Comune di Salerno con il Tenente Rosario Battipaglia. Inoltre hanno preso parte all’appuntamento gli operatori dell’Associazione Volontari pronto intervento, presieduta da Vincenzo Savarese, e dell’Associazione Asad Pegaso, presieduta da Antonio Sguazzo.
L’iniziativa è stata introdotta, nel piazzale Centola, da un intervento di soccorso simulato, relativo ad una rianimazione cardio-polmonare, operato dai soccorritori dell’emergenza 118 della Vo.p.i. e ben descritto dal medico Vincenzo Piscitelli in ogni fase. Spazio, dunque, al convegno all’interno della sala conferenze. Il Primo Cittadino, in apertura, ha inteso ringraziare l’Assessore Campione per l’impegno e la sensibilità confermata con tale iniziativa “attraverso la quale i cittadini potranno sentirsi più sicuri” e ha rivolto un plauso al Capitano Altamura per l’importante lavoro svolto sul territorio. Facendo riferimento alle rappresentanze degli altri comandi di Polizia municipale presenti, il Sindaco ha inoltre auspicato “l’attivazione di una proficua collaborazione attraverso un tavolo di confronto tra i vigili urbani dei comuni limitrofi sul tema centrale della sicurezza in ogni suo aspetto”.
Spazio, quindi, all’intervento dell’Assessore Gianpaolo Campione: “Abbiamo dotato i nostri agenti di tre defibrillatori ma l’obiettivo è di allargare il progetto a tutti i punti affollati della Città dove lo strumento può rivelarsi fondamentale. Ringrazio chi mi ha sostenuto in questo progetto la cui presentazione rappresenta una tappa degli incontri per la città per quanto riguarda il settore socio-sanitario che si susseguiranno sul territorio”.
Il Capitano Antonio Altamura, invece, ha citato un episodio recente per ribadire la valenza del piano avviato aggiungendo che “lo strumento sarà presente nelle auto di servizio per consentire interventi il più tempestivi possibili. Inoltre intendiamo allargare gradualmente la formazione a tutti gli agenti e concretizzare pienamente obiettivi condivisi dallo stesso governo nazionale. Non ci sostituiremo al 118 ma saremo di supporto e sono convinto che i dati negativi di arresti cardiaci possano essere ridimensionati grazie a questa attività”.
A seguire, l’Assessore Campione, confermando la propria esperienza professionale, quale coordinatore di Cardiologia emodinamica all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore che abbraccia un grande bacino d’utenza, si è soffermato con l’ausilio di un video sulle funzionalità del cuore, sulle caronarie, sulla localizzazione di un infarto e sui fattori a rischio.
Conclusioni affidate al dottore Nicola Capuano che ha proseguito l’attenta analisi ponendo l’attenzione “sull’importanza della sensibilizzazione soprattutto per i laici, ovverosia il personale non sanitario. E’ una grande sfida da vincere”. Per quanto concerne la morte improvvisa ha parlato “di un problema antico con una grande incidenza in Italia ed in particolare in Campania dove si registra un caso ogni ora e venti minuti. L’evento finale è nel 90% dei casi rappresentato dall’alterazione dei battiti definita aritmia”. Ha quindi aggiunto che “la defibrillazione è l’unico modo per riavviare il cuore, salvando la vita e riducendo il rischio di danni gravi”. In chiusura, dunque, è stato consegnato uno dei tre defibrillatore da parte dell’assessore Campione e del dottore Capuano alla Polizia Municipale. Gli agenti che, a tal proposito, inizieranno il percorso di formazione per poi essere in grado di utilizzare lo strumento sono: Giulia Alfano, Francesco Ascione, Cinzia Barile, Loredana Cestara, Cristina Mazzaro.