Presepe Vivente a Sant’Antonio, il 6 gennaio l’ultima rappresentazione

Una tradizione, quella del presepe vivente allestito dalla parrocchia della comunità di Sant’Antonio, che si rinnova e si ripete dal 1954. Un evento atteso che, dopo le rappresentazioni del 26 e 30 dicembre, si concluderà domenica 6 gennaio con i figuranti che si esibiranno sempre nello splendido scenario dell’antica masseria “Taverna Penta”. L’appuntamento, che si avvale della collaborazione del Comune di Pontecagnano Faiano guidato dal Sindaco Ernesto Sica, si snoderà in varie tappe. Il momento della nascita di Gesù sarà preceduto da un corteo che partirà alle 18,30 dalla chiesetta di via Picenza, utilizzata dai ragazzi dell’oratorio della parrocchia di Sant’Antonio guidata da Don Gerardo Bacco. Il cammino verso la grotta sarà accompagnato da canti e musiche suggestive intonate da zampogne e ciaramelle. I ragazzi dell’oratorio hanno lavorato ad ogni singolo particolare. Ogni membro ha contribuito alla buona riuscita dell’evento voluto per la prima volta proprio nel 1954 dall’indimenticato padre Carmelo Gentile. I figuranti, supportati dalla splendida scenografia naturale presente all’interno della masseria “Taverna Penta” della famiglia Morese, condurranno i visitatori in un viaggio, quale la nascita di Gesù, che ogni anno riesce a regalare sempre forti emozioni. Il momento atteso sarà certamente quello dell’arrivo dei Re Magi che raggiungeranno la grotta a cavallo. Ma le ambientazioni di Betlemme e le scene della Natività saranno rese ancora più veritiere da figuranti in costume impegnati a ripetere i mestieri di allora, da piccole locande dove si potranno consumare fragranti focacce e golosi dolci natalizi ed animali veri, per la gioia di grandi e piccini.