Verso l’istituzione della Consulta, ieri primo incontro pubblico con commercianti, agricoltori, imprenditori ed artigiani

Un folto numero di operatori del commercio, industria, agricoltura ed artigianato ha preso parte ieri sera all’incontro pubblico svoltosi presso il Teatro San Paolo sulla istituzione della Consulta delle Attività Produttive, incontro voluto dal Sindaco Ernesto Sica e dall’Assessore Sportello Unico ed Attività Produttive Nicola Sconza. La Consulta intende rappresentare tutte le categorie produttive, dai commercianti, agli artigiani, agricoltori al mondo dell’impresa. “Il momento di forte congiuntura economica ci impone di intervenire in maniera corale nella risoluzione dei problemi che stanno investendo le categorie commerciali e produttive- ha spiegatotto nel suo intervento l’Assessore Sconza- la Consulta può rivelarsi un valido strumento per lavorare ad un unico progetto di rilancio dell’economia locale, ma rappresenta anche un momento di forte democrazia partecipata dei soggetti interessati attraverso un contatto diretto e propositivo con l’Amministrazione Comunale. Penso anche alla stesura del Puc a cui i componenti della Consulta saranno chiamati a fornire il proprio contributo ”.
Il dibattito si è sviluppato su diverse tematiche poste sul tavolo dai partecipanti. Istanze, come è stato sottolineato dall’assessore Sconza, che si possono far pervenire agli uffici preposti del Comune così da essere valutate. L’incontro di ieri è stato solo un primo momento di confronto tra Amministrazione e rappresentanti delle attività produttive, in vista dell’approvazione del regolamento della Consulta in Consiglio Comunale.
Il Sindaco Sica ha chiamato tutti ad un’assunzione di responsabilità: “Perché la Consulta abbia successo occorre la collaborazione di tutti. Il difficile momento che stiamo vivendo ci impone di dialogare in maniera proficua e sincera. L’Amministrazione ha intenzione di dare voce alla gente, non solo attraverso la istituzione della Consulta, ma anche dei comitati di quartiere. Ci stiamo avviando ad una trasformazione storica della Città, penso al recupero degli ex contenitori industriali, alle opere urbanistiche che partiranno. Stiamo lavorando anche all’istituzione di uno sportello dell’economia per la concessione di prestiti a quanti svolgono attività in proprio”.
All’incontro pubblico hanno preso parte assessori e consiglieri comunali. Il Vice Sindaco Gennaro Frasca ha sottolineato: “Stiamo lavorando per contenere il livello delle aliquote da applicare all’Imu, prendendo in considerazione le esigenze delle famiglie con una sola casa di proprietà e di quanti gestiscono un’attività in proprio, tenendo presente che allo Stato bisogna restituire il 3,8 per mille”.
Al dibattito ha preso parte anche il Consigliere Provinciale Antonio Anastasio che si è detto favorevole a fornire il suo contributo in qualità di amministratore, “ma sono qui anche in veste di imprenditore di questa Città e credo che vadano intensificati gli incontri, con tutte le categorie commerciali e produttive, per consentire alla Consulta di partire con il piede giusto.” All’incontro erano presenti anche alcuni delegati di organizzazioni di categoria con Giuseppina Esposito delegata Claai (confederazione libere associazioni artigiane italiane); Michele Citro delegato Cia (Confederazione italiana agricoltori) e Ruggiero Brogna delegato Confcommercio Salerno. Era presente anche la responsabile dell’Ufficio Attività Produttive del Comune, Giovanna Martucciello. Hanno preso la parola Carmine Somma, Luciano Marino, Luciano Esposito, Rodolfo Iannone, Massimo Memoli, Nuccio Fattoruso e Claudio Marino Un nuovo confronto tra Comune ed operatori del commercio, industria, artigianato ed agricoltura è stato fissato per il 17 maggio prossimo.